Il primo museo subacqueo d’Europa

Alessandra Ros

Lanzarote è un’isola ricca di sorprese e unicità che la rendono speciale e conosciuta non solo in terra spagnola, ma in tutta Europa. Eventi sportivi, gastronomia e cultura, rendono l’isola del fuoco un posto interessante da visitare e facile da amare.

Forse non tutti sanno che le acque atlantiche che circondano l’isola, sono dimora non solo d specie marine coloratissime, ma anche dell’unico museo sottomarino d’Europa: “Il Museo Atlantico” di Lanzarote.

Questo museo è stato ideato dall’artista inglese Jason deCaires Taylor a sua volta appassionato di immersioni subacquee e vincitore di numerosi premi per le sue fotografie artistiche “underwater”.

Ogni scultura del museo, è pensata per promuovere l’educazione e per proteggere l’ambiente naturale sottomarino essendo anch’esso un ecosistema fondamentale per l’essere umano.

Già in tempi remoti il mondo misterioso degli abissi veniva collegato alla vita e all’origine dell’essere umano, attraverso simboli e divinità, basti pensare agli antichi greci e a i loro dei Zeus e Afrodite entrambi nati dalle acque.

Con questo museo sottomarino deCaires Taylor vuole ricordare l’importanza dell’acqua nella vita dell’uomo infatti, il nostro pianeta è composto dal 71% da acqua e il nostro corpo umano dal 60% .

UNA BUONA CAUSA

L’artista inglese ci manda così un messaggio importante attraverso le sue opere, questo progetto infatti è specificatamente pensando per difendere concretamente le acque che circondano l’isola di Lanzarote. Ogni scultura di questo museo è creata in un cemento a PH neutro, che con il passare degli anni si trasformerà ( attraverso i processi naturali marini) in una scogliera che aiuterà la riproduzione e la salvaguardia delle specie marine dell’isola senza inquinare le acque.

COSA RAPPRESENTANO LE SCULTURE?

Questa maestosa opera è composta da 300 sculture ed ogni volto è ispirato agli abitanti dell’isola di Lanzarote.

Le statue sono disposte in gruppi componendo così delle scene educative e che esprimono la sensibilità dell’artista.

LA ZATTERA DI LAMPEDUSA: Una scena che ci avvicina alla speranza, ma anche alla perdita e a una realtà attuale che divide in due molte nazioni d’Europa;

IL CALORE UMANO: più di 200 sculture di esseri umani a grandezza naturale disposti in posizione circolare ideale per la formazione di una futura barriera corallina;

LOS JOLATEROS: una rappresentazione di un gruppo di bambini in barca a remi che oltre ad essere un richiamo alle tradizioni dell’isola, allude alla precarietà del futuro dei giovani d’oggi, paragonandolo così a una barca senza motore;

IMMORTALE: Questa scultura rappresenta un pescatore dell’isola della Graciosa sopra un tradizionale rogo funebre;

SCOLLEGATO E FOTOGRAFI: Questa rappresentazione è situata a lato de “La zattera di Lampedusa” e rappresenta da una parte una coppia scattando un selfie e dall’altra un gruppo di fotografi, trasformando un evento tragico come quello dell’immigrazione in un evento futile, come potrebbe essere un selfie postato sui social;

visitare lanzarote

PASSARE IL RUBICON: Consiste in 35 figure umane che attraversano una parere larga 30 metri e alta 4 attraverso una piccola porta rettangolare posta al centro, dove il muro rappresenta un monumento di assurdità valicabile da qualunque lato, immerso in un mondo vasto e tridimensionale, che però sfortunatamente spesso tendiamo a non vedere e preferiamo metterci in fila per oltrepassarlo attraverso la piccola porta (convenzionale) posta al centro;

visitare lanzarote

IL GIARDINO IBRIDO: Ispirato alla vegetazione dell’isola di Lanzarote questo giardino vuole avvicinare l’uomo alla natura in un mondo dove uomo e natura sono in perfetta sincronia come questi ibridi mezzi cactus e mezzi umani vogliono rappresentare;

DEREGOLAMENTATO: uomini d’affari divertendosi in un parco giochi per bambini. Un riferimento alla poca sensibilità delle multinazionali nei confronti dell’ambiente.

DOVE E COME RAGGIUNGERE IL “MUSEO ATLANTICO”

Questo museo è situato a 12 metri di profondità nel sud di Lanzarote e si estende per 2,500 m² e può essere visitato al prezzo di circa 12€ per tutte quelle persone in possesso di brevetto sub di minimo 16 metri di profondità. Per tutte quelle persone senza brevetto è possibile effettuare l’escursione accompagnati da una guida dopo aver provato l’attrezzatura e le nozioni base di immersione all’interno di una piscina specializzata, ovviamente il prezzo aumenta, ma è comunque ragionevole considerando l’esperienza (circa 150€ per due persone in un totale di 5 ore di escursione).

Per prenotare la visita recarsi direttamente ai negozi di scuba diving presenti nel sud di Lanzarote.