Cueva de los Verdes, le grotte segrete di Lanzarote

La Cueva de los Verdes è una grotta situata sull’isola di Lanzarote e deve la sua creazione alla grande eruzione vulcanica di Monte Corona datata quasi più di 5.000 anni fa. Queste grotte, lunghe circa sei chilometri e e visitabili per una lunghezza di due chilometri, si trovano nella parte settentrionale dell’isola di Lanzarote e, proprio per la loro particolarità e perché permettono di godere di un panorama unico ed illuminato da una luce particolare e molto suggestiva, meritano una visita che non dimenticherete mai e che renderà davvero significativo il vostro soggiorno a Lanzarote.

All’interno della Cueva de los Verdes si può osservare una grotta formata da due gallerie e da diversi corridoi labirintici e lagune sottorranee illuminati da una luce di sfumatura verde che dà il nome a questo luogo naturale e affascinante. Questa grotta, utilizzata in epoca antica per sfuggire agli attacchi dei pirati o dei vari conquistatori che cercarono di dominare l’isola di Lanzarote e le Canarie, è formata anche da un auditorium che, avendo una capacità di quasi mille persone, può essere utilizzato per diverse manifestazioni musicali e, grazie al suo tunnel di sei chilometri d’estensione, noto come “Tunnel d’Atlantide” e che sprofonda sotto il livello dell’acqua per altri due chilometri circa, la Cueva de los Verdes è una delle grotte più grandi d’Europa e di tutto il mondo. Inoltre, la zona di Cueva de los Verdes è direttamente collegata al famoso Jameos de Agua, un’apertura nel terreno che consente l’accesso alle cavità sottostanti e che è di particolare interesse esattamente come la grotta di Cueva de los Verdes.

Cueva de los Verdes

La grotta di Cueva de los Verdes può essere visitata in circa un’ora ed è aperta tutto l’anno. Per di più, grazie all’opera dell’artista di Lanzarote Jesus Soto, che ha creato e curato l’illuminazione, il percorso interno e lo sfondo musicale, all’interno di Cueva de los Verdes si è creata un’atmosfera magica e unica per ogni visitatore che avrà modo di deliziarsi di una visita davvero unica nel suo genere. Inoltre, nonostante la mano dell’uomo all’interno della grotta, l’ambiente rimane incontaminato e perfettamente integrato tra le formazioni laviche e geologiche del luogo. Gli spazi creati da Soto sono infatti caratterizzati da ambienti e colori naturali che si inseriscono perfettamente nella poetica naturale dell’isola e dell’idea di conservazione e incontaminazione che gli abitanti di Lanzarote hanno della loro isola.

Poche esperienze sono interessanti quando le avventure all’interno di una grotta di queste proporzioni, infatti, visitare Cueva de los Verdes è una vera iniziazione nelle viscere della terra. Infatti, la parte visitabile di Cueva de los Verdes è formata da poco più di un chilometro di gallerie sovrapposte e, in alcuni punti, è possibile scoprire nuovi spazi e prospettive molto diverse tra di loro. Canali di lava, blocchi solidi, gocce di lava, depositi di sale e altre suggestive solidifcazioni sono solo alcune delle cose che si possono ammirare all’interno della Cueva de los Verdes e che costringono il visitatore a scattare migliaia di fotografie per immortalare l’arte della natura applicata al sottosuolo.